Seguici su:
La Medicina Psicosomatica e il Valore della Mente

LA MEDICINA PSICOSOMATICA E IL VALORE DELLA MENTE

di Giulio Torti

6 e 7 febbraio 2021

Il seminario intende illustrare gli elementi che dimostrano l’indissolubile unione mente-corpo con le conseguenze che ne derivano circa la cura delle malattie.

Posizione questa intuitivamente sostenuta sin dall’antichità ma solo di recente confermata da inconfutabili scoperte scientifiche che hanno consentito di superare definitivamente il dualismo cartesiano in favore di una visione integrale dell’Uomo. Tali scoperte sono dovute a due discipline relativamente nuove, l’Epigenetica e la PNEI (Psico-Neuro-Endocrino-Immonulogia).

La prima ha evidenziato la possibilità che fattori interni o esterni all’uomo, quando emozionano, possono modificare l’espressione genica di base in tempi più o meno brevi e in modo reversibile.

La seconda, PNEI, ha invece individuato le sostanze chimiche (le famose “molecole di emozioni” di Candace Pert) che, liberate nell’organismo a seguito delle modifiche geniche, portano il nuovo messaggio a ogni singola cellula del corpo stabilendo così una rete di comunicazione costantemente attiva che regola il funzionamento dei vari organi e apparati.

Tali studi comportano e confermano i principi su cui si fondava la Medicina Psicosomatica, nata circa nel 1950 per iniziativa di alcuni medici e psicologi che basavano le loro intuizioni sulla semplice osservazione dei pazienti. Ora questa Nuova Medicina può dimostrare, senza ombra di dubbio, l’esistenza del ponte tra psiche e soma e, come corollario, l’origine nella psiche di ogni disturbo somatico.

Per comprendere compiutamente la validità di questi concetti occorre considerare tre ulteriori argomenti:

  1. La persistenza della neuroplasticità in ogni epoca della vita;
  2. Il valore dell’inconscio come elemento con cui interagire per divenire artefici del proprio destino;
  3. La modalità di messa in moto delle emozioni e la cascata di eventi che ne consegue.

In ultima analisi, dunque, la Psicosomatica afferma che le emozioni (vero tramite tra psiche e soma) isfudnzionali provocano malattie ma anche emozioni di segno opposto portano a guarigione. Ben vengano le medicine che alleviano la sofferenza ma con la consapevolezza che da sole non bastano. Ciò che porta al vero e totale superamento del problema è il riequilibrio emozionale® che rimuove la causa profonda del disturbo fisico.

Sotto questo aspetto la Fisioanalogia®, di cui la Psicosomatica rappresenta l’antenata, offre una metodica di risoluzione di grande efficacia, soprattutto alla luce delle ultime novità proposte da Stefano Benemeglio che con le procedure matematiche ha reso “chirurgico” ogni intervento.